Volkswagen Arteon, berlina o coupé a cinque porte?

Volkswagen Arteon

Né berlina, né coupé, ma un po’ tutte e due. La Volkswagen Arteon, al suo esordio nel 2017, è una longilinea cinque porte costruita a partire dai disegni della Passat, rispetto alla quale è però più lunga (di 9 centimetri) e con un passo maggiore (di 5 cm).

L’idea, maturata tra gli ingegneri di Wolsburg, è quella di una vettura in grado di coniugare le linee sportive di una coupé con la praticità che è propria invece delle berline. Il risultato è una cinque posti  che conta altrettante portiere, una vettura dalle elevate prestazioni in cui si sta comodi anche dietro. Non vi basta? È capiente pure il bagagliaio.

Volkswagen Arteon: design e interni

Come la Passat, più della Passat. Le linee della Volkswagen Arteon riprendono e sviluppano la filosofia stilistica già apprezzata sulle vetture della casa con sede in Bassa Sassonia. In modo particolare, a essere richiamato è il design della più famosa delle medie di Wolsburg. La Arteon è però una vettura decisamente sportiva, nei disegni e nelle dichiarazioni. Vuole essere una coupé, punto. E allora non stupisce vedere come la cinque posti tedesca stia incollata al suolo, complice anche un muso che sembra volersi avventare sull’asfalto. Proprio all’anteriore, risalta l’ampia calandra dagli inserti cromati e il cui sviluppo procede nella definizione delle maschere dei fari. Queste ultime, dall’inusuale forma a J, sembrano formare un unico disegno grazie proprio al raccordo fornito dalla griglia. I gruppi ottici sono full LED mentre i cerchi sono grandi fino a 20 pollici di diametro.

Vista frontale
Vista frontale

Nel complesso le linee sono scolpite e dalla forte connotazione geometrica. Come nella più recente delle tradizioni Volkswagen. Il posteriore ricorda da vicino quello della Passat ma, anche in questo caso, è una maggiore audacia concettuale a distinguere la Arteon. Il tetto, infatti, scivola verso la coda con linee molto meno nette e, anzi, quasi tagliandola, in tipico stile coupé. Piace parecchio anche lo spoiler, elegante e integrato con grande naturalezza sul cofano.

Il parallelo tra Volkswagen Arteon e Passat prosegue pure all’interno. La plancia è la medesima, sofisticata nella sua semplicità, e dove trova spazio il grande schermo per l’intrattenimento. Anche in questo caso, il cruscotto è dominato dal display da 10,25 pollici del sistema Digital Cockpit. La Arteon però conferma ancora una volta la sua inclinazione sportiva, con la presenza di rivestimenti in pelle e Alcantara. Lo spazio a bordo è decisamente superiore a quello che ci si aspetterebbe da una coupé. D’altronde le dimensioni sono ampie e con 4,86 metri di lunghezza e 1,87 di larghezza si viaggia comodi anche dietro. Specie in quattro e nonostante un’altezza non eccezionale: 145 cm. Tanto spazio anche nel baule la cui capienza passa facilmente da 563 a 1.557 litri.

Interni della Volkswagen Arteon
Interni della Volkswagen Arteon

Tanti e sofisticati, infine, i sistemi per la sicurezza, tra i marchi di fabbrica del gruppo tedesco. Segnaliamo soprattutto il Dynamic Light Assist per le luci, il Lane Assist, il sistema per il mantenimento della distanza di sicurezza ACC e l’Emergency Assist 2.0 che trascina l’auto in corsia di emergenza quando il conducente non è più in grado di guidare.

Motore e prestazioni

La Volkswagen Arteon è disponibile in due motorizzazioni distinte, entrambe diesel. Si tratta di due 4 cilindri da 2.0 litri e 1.968 centimetri cubi di cilindrata. La differenza sta nei cavalli, 190 o 240 a seconda della versione. Così come differiscono i Newton metri alla voce coppia massima che sono, rispettivamente, 400 e 500.

La qualità delle prestazioni, come è facile intuire, è appannaggio della versione con in dote i 240 cavalli, l’unica delle due disponibile esclusivamente con trazione integrale. Questa è in grado di spingere l’Arteon fino alla velocità massima di 245 chilometri orari, con una progressione da 0 a 100 in appena 6,5 secondi. Sono comunque ottime anche le prestazioni del 4 cilindri da 190 cv, che vola fino ai 238 orari accelerando 0-100 in 8 secondi netti.

Vista laterale
Vista laterale

Volkswagen Arteon: prezzo e consumi

Abbiamo visto essere due le motorizzazioni della Volkswagen Arteon, così come sono due pure gli allestimenti: Elegance e Sport. Il primo, più economico, è disponibile esclusivamente con il 2.0 diesel da 190 cavalli e venduto a partire da 50.400 euro. Mentre la versione da 240 cavalli è accoppiabile esclusivamente all’allestimento Sport, pacchetto venduto a partire da 56.950 euro.

Anche in relazione ai consumi, l’alimentato a gasolio da 190 cavalli risulta essere maggiormente attento al portafoglio. Infatti, il consumo medio di carburante nella percorrenza di cento chilometri ammonta a circa 5,8 litri. Non pochi per un propulsore diesel, ma decisamente meno dei 7,5 richiesti dal 4 cilindri da 240 cavalli.

Discorso simile per le emissioni. In questo caso, la Arteon con motore da 190 cavalli rilascia nell’aria circa 153 grammi di anidride carbonica ogni chilometro percorso. Grammi di CO2 che diventano 196 se sotto il cofano della berlina-coupé trovano spazio i 240 cavalli del più potente dei diesel.

Video interessanti

  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno