Toyota Mirai: il futuro va a idrogeno

Toyota Mirai

Toyota Mirai (che in giapponese significa “futuro”) è la vettura dalle zero emissioni. Una berlina dal look più appariscente rispetto agli altri modelli della casa. Sono infatti presente linee più futuristiche e tese sia all’esterno che all’interno. Le dimensioni sono di 4.89m in lunghezza, 1.81m in larghezza, un’altezza di 1.53m e il passo è invece di 2.78cm. Il peso in ordine di marcia è di 1850kg.

Design esterno

Il frontale è molto graffiante con un cofano che spinge dall’alto verso il basso arricchito da 3 nervature, i gruppi ottici con tecnologia a led sono sviluppati orizzontalmente e si nascondono leggermente sotto al cofano dando un look più accattivante al “muso”. Tra i due fari si sviluppa una presa d’aria molto fina dove al centro è collocato lo stemma Toyota.

Gran parte dell’anteriore è poi dominato da 3 prese d’aria molto grandi: due ai lati che assomigliano a delle “branchie” con l’unico obbiettivo di aspirare più aria possibile. Son poi impreziosite da degli steli molto fini in tinta cromata e da una striscia led a sviluppo verticale nella zona più esterna. La terza presa d’aria centrale è meno vistosa ma comunque molto ampia.

Il taglio laterale rimane molto essenziale e delinea un tettuccio a forma discendente. Non sono presenti minigonne, prese d’aria o nervature incisive. Rimane tutto molto semplice e minimal. Il posteriore è studiato per migliorare l’aerodinamica del veicolo e integra due gruppi ottici scomposti: nella fascia più alta si sviluppano come un’unica striscia non molto larga che percorre l’intera larghezza della coda, sulla fascia più in basso ambo i lati troviamo altri due fari a forma triangolare con tecnologia a led. Il sottoscocca è completamente piatto e presenta un piccolo ugello da cui viene scaricata l’acqua prodotta in fase di trasformazione dell’idrogeno in energia.

Interni

L’interno è fedele alla filosofia esterna con linee particolari e di spicco anche se delude sul comparto tecnologico poiché da una vettura di questo tipo molto rivolta a un concetto futuristico ci si aspetta lo stesso sviluppo anche dal punto di vista tech. Bisogna invece accontentarsi di una plancia con un normale display a sbalzo che funge da infotainment e una strumentazione digitale non collocata a lato guidatore ma sempre al centro sopra al sistema di infotainment. I tasti nonostante abbiano una buona ergonomia son già presenti in altri modelli Toyota e non portano alcuna novità in termini di “feeling” in questa vettura. Il design nel complesso è molto piacevole con linee convergenti e divergenti che spingono ad una forte razionalità.

Nonostante non sia “sfiziosa” tecnologicamente si possono invece apprezzare i sedili avvolgenti, confortevoli e riscaldabili ma anche spazi dove collocare oggetti come le tasche abbondanti dei pannelli porta e il tunnel che dall’apertura del grande bracciolo consente di arrivare ad un’enorme spazio dove è presente anche un sistema di ricarica ad induzione per il cellulare.

Il comfort è buono soprattutto all’anteriore grazie a dei giro-porta molto regolari e a delle sedute ampie con supporto per i fianchi. Anche nella zona posteriore la situazione non è male, solo per chi supera il metro e 90 forse sorge qualche problema in più per la testa (dovuto al tetto discendente). Infine il bagagliaio non è il massimo: solo 361 litri che non sono pochissimi ma da una vettura di queste dimensioni ci si aspetterebbe molto di più.

Interni della Toyota Mirai
Interni della Toyota Mirai

Come si guida?

La dinamica di guida è davvero piacevole sembra di essere al volante di un’auto elettrica tant’è che anche in autostrada il confort acustico è ottimale. Unici rumori percettibili possono essere il rotolamento delle gomme e alcuni fruscii aerodinamici. Nonostante le misure risulta molto agile anche nel percorso cittadino grazie ad un’accelerazione brillante. Anche la visibilità è buona.

Sicurezza

Per Toyota la sicurezza va tenuta bene a mente. Mirai propone una struttura della carrozzeria dotata di un telaio progettato per dissipare con efficacia le onde d’urto. In caso di collisione l’energia dell’impatto si distribuisce fra le varie componenti proteggendo i passeggeri.

I sistemi di sicurezza alla guida sono:

Sistema pre-collisione: utilizza un radar a onde millimetriche per rilevare la presenza di altri veicoli che precedono la vettura. Se il dispositivo ravvisa il rischio di una collisione attiva un segnale sonoro e visivo che interviene automaticamente sui freni.

Avviso superamento corsia: usando una telecamera per ilevare la segnaletica orizzontale il sistema avvisa il conducente con allarmi acustici e visivi nel caso la vettura inizi a cambiare corsia senza che sia stato attivato l’indicatore di direzione.

Abbaglianti automatici: questo sistema è progettato per ottimizzare la visibilità notturna attraverso una telecamera in grado di rilevare i fari degli altri veicoli e il livello di illuminazione stradale. Il dispositivo seleziona automaticamente luci abbaglianti o anabbaglianti per migliorare la sicurezza della guida notturna.

Blind spot monitor: dei sensori radar rilevano costantemente la presenza di altri veicoli nei punti ciechi del conducente. Se l’indicatore di direzione è disattivato, il sistema avvisa il conducente con un segnale visivo posizionato nello specchietto laterale.

Real cross traffic alert: il dispositivo rileva i veicoli in avvicinamento mentre l’auto sta uscendo in retromarcia da un parcheggio, avvisando il conducente tramite segnali sonori e visivi nello specchietto laterale.

8 airbag SRS: l’abitacolo è dotato di un sistema avanzato per proteggere conducente e passeggeri, con airbag laterali montati nei sedili anteriori, airbag a tendina frontali e laterali, quelli per le ginocchia del guidatore e un ulteriore cuscino sotto il sedile del passeggero.

Propulsore e prezzo

Il cuore della Mirai è la pila a combustibile che riceve in pasto l’idrogeno (che è contenuto invece in un grande serbatoio ad alta compressione), viene poi combinato con l’ossigeno dell’aria con il risultato di una produzione di h2o che fuoriesce dall’ugello di scarico sotto al pianale e di energia elettrica che alimenta invece un propulsore sprigionante 154cv e con uno scatto da 0 a 100km/h sotto i 10s.

La Toyota Mirai ha un prezzo europeo di 66000 euro più tasse locali ma è prevista anche una formula di leasing tutto compreso.

Video interessanti

  • Consigli utili per la guida in pista
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)