Hyundai Tucson: ottimo rapporto qualità-prezzo per un SUV solido e grintoso

Hyundai Tucson: ottimo rapporto qualità-prezzo per un SUV solido e grintoso

La Hyundai Tucson è una vettura pensata per offrire al potenziale acquirente qualità e convenienza, unitamente ad una linea moderna e dal gusto europeo. L’auto rientra perfettamente nel segmento dei SUV interpretandone le potenzialità a partire da un design muscoloso e sportivo, ma senza eccessi.

Questa Hyundai si fa notare, ma garantisce anche comodità e comfort. Insomma, la formula scelta dal produttore automobilistico coreano sembra molto ben riuscita. Esploriamola insieme nel nostro nuovo articolo di approfondimento, cercando di portare in evidenza i punti chiave che la caratterizzano.

Hyundai Tucson: design e dimensioni esterne

Come sempre partiamo dalle dimensioni della vettura, che rientra perfettamente nei canoni del classico SUV. L’auto è lunga 4,48 metri e larga 1,85 metri, per un’altezza da terra di 1,65 metri. Il passo corrisponde a 2,67 metri: risulta ampio e ben congegnato rispetto alla necessità di facilitare l’ingresso nell’abitacolo. Frontalmente la vettura si caratterizza per la grande calandra esagonale con al centro il logo del marchio. La targa è posizionata centralmente, ma più in basso rispetto alla griglia. Lateralmente si distinguono i gruppi ottici moderni, con i fendinebbia staccati nella parte inferiore (risultano vicini alle prese d’aria). Il cofano anteriore è ampio, così come il parabrezza.

Vista anteriore
Vista anteriore

Quest’ultimo permette di godere della massima visibilità, portando anche dentro l’abitacolo un’adeguata luminosità. Lateralmente l’auto si distingue per linee pulite e squadrate. Le portiere sono ampie e consentono di entrare con facilità nella vettura sia anteriormente che posteriormente. Gli ampi passaruote ospitano una gommatura importante e caratterizzano il design grazie a cerchi in lega dalle linee dinamiche. Le dimensioni restano ampie, mentre ad essere un po’ più sacrificati sono i finestrini laterali. Nel complesso lo stile resta deciso, sportivo e dotato di una purezza in grado di richiamare una verve elegante.

Posteriormente l’auto si sviluppa in senso molto orizzontale. Il lunotto è di dimensioni ridotte e rende necessario ricorrere ai sistemi di assistenza alla guida nei parcheggi più stretti. Il portellone del baule integra in senso orizzontale i fari, mentre nella parte bassa posiziona centralmente la targa. Nel complesso il design degli esterni è improntato al dinamismo e alla modernità. Le linee risultano attuali anche grazie ad un restyling risalente allo scorso anno, pensato per rinfrescare l’aspetto esterno del SUV senza per questo stravolgerne l’aspetto complessivo.

I motori disponibili

Dal punto di vista delle motorizzazioni la Hyundai Tucson presenta tre diverse possibilità di scelta. Si parte dalla versione a benzina disponibile con cilindrata 1.6 CM3 e potenza a partire da 132 Cavalli e 97 KW, per crescere a 177 Cavalli e 130 KW. I consumi corrispondono nel primo caso a 7,9 litri ogni 100 chilometri e nel secondo caso a 7,6 litri ogni 100 chilometri. La versione a gasolio è sempre un 1.6 CM3, ma in questo caso si parte dai 116 cavalli e 85 KW per crescere a 136 cavalli e 100 KW.

Decisamente più contenuti, come immaginabile, i consumi. Quest’ultimi si situano attorno ai 5,5-5,8 litri ogni 100 chilometri per entrambe le motorizzazioni. Infine, per chi è più attento al fattore ecologico è presente anche una versione ibrida a gasolio. In questo caso il 1.6 è disponibile rispettivamente con potenza da 116 e 136 cavalli. I consumi si riducono ulteriormente, avvicinandosi attorno ai 5 litri ogni 100 chilometri. Tutti i motori appena riportati sono ovviamente omologati secondo quanto previsto dalla direttiva Euro 6D – Temp.

Interni della Hyundai Tucson
Interni della Hyundai Tucson

Interni della Tucson: come appare l’abitacolo

All’interno della Hyundai Tucson si respira un’aria ordinata e confortevole, frutto del design lineare della casa automobilistica coreana. Lo stile non si discosta molto da quello delle altre vetture del marchio. Centralmente è presente il grande touchscreen da 8 pollici, mentre più in basso si trovano le prese d’aria e gli altri pulsanti di regolazione del sistema di climatizzazione.

Il volante a tre razze offre i comandi integrati e permette di osservare con facilità il cruscotto. I sedili sono comodi e avvolgenti, mentre lo spazio risulta adeguato per cinque persone. Anche il quinto passeggero può affrontare il viaggio con un certo comfort, un fattore non scontato in tanti altri modelli della concorrenza.

Da notare che l’abitacolo è dotato di numerosi portaoggetti, che rendono facile mantenere l’ordine interno dell’auto. Infine, il bagagliaio è in grado di ospitare già nella configurazione di base oltre 510 litri di carico, per estendersi a 1500 litri abbattendo le sedute posteriori.

Hyundai Tucson: allestimenti e dotazioni

La Hyundai Tucson presenta già nella propria versione di base (chiamata Classic) una dotazione piuttosto completa, offrendo abs, numerosi airbag, collegamento usb, posizione di guida regolabile e sistema start & stop. Per chi volesse di più è possibile scegliere la Xplus oppure la Go!.

Così facendo si ottengono anche il sistema di navigazione satellitare ed i sensori di parcheggio, mentre la versione più ricca aggiunge i fari fendinebbia ed il cruise control. Per chi infine dovesse risultare indeciso può essere utile notare che l’allestimento intermedio presenta già tutto il necessario per avere una vettura ben accessoriata.

Vista dall alto
Vista dall alto

Prezzo e considerazioni finali

Siamo giunti al termine della nostra recensione relativa alla Hyundai Tucson ed è arrivato quindi il momento di parlare di costi. Il listino della vettura parte nella versione classic da circa 23mila euro, per crescere fino a superare le 35mila nelle versioni meglio accessoriate e con motore più potente.

Con il top di gamma della ibrida si arriva anche a superare le 40mila euro. Nel complesso, al cliente viene lasciato molto spazio di scelta. Per chi si fosse deciso all’acquisto è inoltre possibile approfittare delle periodiche campagne promozionali, che consentono di risparmiare fino a 4mila euro.

Video interessanti

  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Consigli utili per la guida in pista
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote