Porsche 718 Cayman T: grande sportività per pure emozioni

Porsche 718 Cayman T

La serie 718, nata sui fasti sportivi della Porsche 718 del 1957, presenta i suoi modelli Cayman e Boxster, nella versione T.  La 718 Cayman T, è spinta dal “piccolo” e potente motore Boxer a 4 cilindri, 2 litri di cilindrata, dotato di filtro antiparticolato GPF che, dalla sua posizione posteriore-centrale, sviluppa (a trazione posteriore) una potenza di 300 CV – 220 kW, con una coppia massima di 380 Newton metri, a un regime di giri al minuto compreso tra 2.150 e 4.500.

Porsche 718 Cayman T: consumi ed emissioni

La decisione, di passare dal consueto 6 cilindri a questo grintoso 4 cilindri, è stata presa nell’ottica di una riduzione di emissioni e consumi, centrando in pieno l’obiettivo. Il consumo urbano (con cambio manuale di serie) raggiunge gli 11,3 l/100 Km, scendendo a 11,8 l/100 Km nel caso di vetture con cambio PDK. Sensibilmente ridotto il consumo su percorsi extraurbani: 6,3 l/100 Km (con cambio manuale) e 6,2 l/100 Km (con cambio PDK).   275 km/h è la velocità massima. L’accelerazione da 0 – 100 km/h (con cambio manuale) è di 5.1 secondi, che scendono a 4.9 con il cambio PDK.

Vista posteriore
Vista Posteriore

Meccanica centellinata

Il cambio di serie è il tradizionale 6 marce, che vede però corse ridotte e una leva più corta. Tra gli optional. viene proposto in alternativa il PDK (Porsche Doppelkupplung), un cambio robotizzato a 7 marce, con doppia frizione, largamente consigliato per le vetture della Serie 718.

La nota più caratteristica della versione T è sicuramente il telaio sportivo PASM (Porsche Active Suspension Management) montato di serie, che ribassa la carrozzeria di 20 mm e presenta sospensioni più corte e rigide. Il PASM dispone di 2 opzioni, selezionabili tramite un pulsante posizionato nel tunnel centrale, che regolano la rigidità degli ammortizzatori, aumentandola quando si passa dalla modalità “normale” a quella “sportiva”. Stante un coefficiente di resistenza (Cx) a 0.30, le dimensioni, con una lunghezza di 4.379 mm, e una larghezza di 1.801 mm, variano nell’altezza, con 1.276 mm, contro i 1.295 delle altre vetture Serie 718, fermo restando il passo a 2.475 mm ed il serbatoio 54 l.

Le pinze freno fisse monoblocco in alluminio a 4 pistoncini, anteriori e posteriori, sono redatte in colore nero, con diametro anteriore da 330 mm, e posteriore da 299 mm. La 718 Cayman T è dotata di PSM (Porsche Stability Management), incluso ABS, per l’ottimizzazione dell’impianto frenante, e di servosterzo, elettromagnetico con rapporto di trasmissione variabile e impulsi di sterzata.

I cerchi in lega Titanium, Grey della 718 Cayman in versione T, sono da 20″, applicati su pneumatici anteriori 235/35 ZR 20 e su pneumatici posteriori 265/35 ZR 20. I fari di serie prevedono luci diurne a LED, integrate, mentre – tra gli optional – figura il gruppo luci completamente a LED.

Interni della Porsche 718 Cayman T
Interni della Porsche 718 Cayman T

Segni particolari: sportiva nata

La prima Porsche a fregiarsi della sigla T (Touring) è stata la 911, all’alba degli anni Settanta. Oggi, la 718 Cayman la “eredita” a pieno titolo, nella sua accezione di passione per la guida.

L’anima sportiva della 718 Cayman T trova esaltazione nel vasto equipaggiamento disponibile e nei dettagli estetici, sia di serie che opzionali. Sicuramente, il telaio PASM abbassato di serie, la ridotta corsa del cambio e i cerchi da 20”, sono i tratti distintivi più salienti della Serie T.

Non da meno è il pacchetto Sport Chrono, che consente di selezionare lo stile di guida tra quattro modalità: Sport, Sport Plus e Individual. La funzione Sport Plus, in combinazione con PASM (Porsche Active Suspension Management) E PADM (Porsche Active Drivetrain Mounts), consente un miglior controllo della dinamica di guida, riducendo le vibrazioni nel vano motore/cambio.

Porsche 718 Cayman T: silhouette e interni

La nuova 718 Cayman T ha, nei cerchi in lega da 20” e nel telaio sportivo PASM che ribassa la carrozzeria di 20 millimetri, i suoi segni distintivi, oltre al logo riprodotto su entrambe le fiancate e sul lato posteriore. Alla consueta gamma standard di colori, se ne aggiungono due espressamente dedicati alla versione T: Miami Blue e Lava Orange.

È dotata di sedili sportivi Plus, con regolazione elettrica dello schienale e manuale in altezza e avanzamento, con guscio in colore argento, fascia centrale in Sport-Tex, laterali e poggiatesta in pelle: il tutto sotto un tettuccio in stoffa.

Vista laterale
Vista laterale

Il volante sportivo GT, del diametro di 360 mm, è regolabile manualmente in altezza e profondità. La capacità totale dei due bagagliai, anteriore e posteriore, è di 275 litri. Comodi vani portaoggetti sono previsti sulle portiere, più due nel tunnel centrale, di cui uno aperto e uno chiuso. Sono inoltre contemplati ganci appendiabiti sul retro dei sedili, e due comodi porta bevande.

Multimedialità e prezzo

Il nuovo PCM (Porsche Communication Management), che include la predisposizione del modulo telefono e interfacce audio, non è presente nella dotazione di serie, ma viene fornito, su richiesta, senza aggravi di costi. La scelta di rendere opzionale il sistema multimediale (sebbene gratuito) è stata operata per compensare il peso dell’impianto antiparticolato GPF, e lascia il posto a un ampio portaoggetti.

Parlando di listini, il prezzo della sportivissima Porsche 718 Cayman T, con tutto di equipaggiamento di serie, si attesta sui più che accettabili 66.000 euro.

Video interessanti

  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Consigli utili per la guida in pista
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare