Mercedes Benz AMG GT: la sportiva di casa, pistaiola e aggressiva

Mercedes mai fino ad ora si era spinta allo sviluppo di una vettura così sportiva dal punto di vista estetico. Si parla della AMG GT, un’auto completamente nuova che stravolge il marchio Mercedes da sempre in linea con una filosofia di eleganza e perfezione per coccolare al massimo il conducente.

Questa volta si cambiano le regole: c’è l’egocentrismo tedesco alla maniacalità della cura al dettaglio ma lasciando finalmente spazio a un dna puramente pistaiolo e aggressivo.

Mercedes Benz AMG GT: design esterno

Lunga 4.54m, larga 1.93 e alta 1.28m, AMG GT si presenta con una distribuzione estetica in netta prevalenza per l’anteriore dominato dal lunghissimo cofano. L’abitacolo è invece molto arretrato con la linea del tettuccio discendente e con un posteriore che lascia pochissimo sbalzo alla coda diventando quasi “tronco”.

Vista Posteriore

Il posteriore

Il posteriore è l’aspetto della vettura che denota maggiormente l’interesse di Mercedes a marchiare anche auto così sportive con dettagli estetici eleganti e distintivi come i gruppi ottici a geometria orizzontale con tecnologia a led che si integrano benissimo nella linea del retrotreno rendendola pulita senza nervature e prese d’aria. Solo nella parte bassa spicca un mini estrattore con integrati gli scarichi laterali. La parte alta adotta anche uno spoiler elettroattuato a comparsa che si alza e si abbassa in base alla modalità e dinamicità di guida e una volta ritornato al suo posto lascia intatta la linea pulita della vettura. La linea del tetto discendente si integra perfettamente al lunotto nero fumè, stessa situazione si ritrova nei pannelli laterali dei cristalli.

Il taglio laterale di AMG GT rimane pulito con una sola presa d’aria in finitura nero lucida e cromata all’altezza del passaruota anteriore, un’unica nervatura si presenta invece nella parte bassa del laterale.

L’anteriore

L’anteriore presenta i due gruppi ottici a full led matrix con forma molto morbida priva di angolature o tagli netti e ben 4 prese d’aria con trama a nido d’ape per far respirare il potente propulsore. La stella in formato generoso si colloca al centro della calandra accostando finiture cromate e satinate. Il cofano molto lungo sviluppa due prese d’aria trapezoidali ambo i lati sulla parte alta vicino al parabrezza.

Interni della Mercedes Benz AMG GT

Mercedes Benz AMG GT: interni

Aprendo le portiere l’occhio cade sul battitacco in alluminio lucido con inciso il lettering AMG ben in evidenza. I pannelli porta utilizzano in prevalenza alcantara ma integrati con della pelle con cucitura a contrasto e dell’alluminio lucido in alcune finiture di dettaglio. Una volta saliti a bordo la seduta dei sedili è molto contenitiva, inoltre son costruiti con il minor ingombro possibile rendendoli molto piacevoli alla vista grazie a dei profili sottili ed eleganti. I materiali utilizzati sono per la parte centrale l’alcantara mentre le sponde laterali e il poggiatesta son in pelle con cuciture a contrasto. Il volante grazie ad un meccanismo elettrico si alza e si abbassa per consentire la facile entrata e uscita del conducente.

Tecnologia e funzioni

Il cruscotto a lato guidatore integra due tachimetri analogici per l’indicazione dei giri motore e della velocità mentre al centro un display digitale per l’indicazione di molte funzioni alla guida. Il cruscotto è poi ricoperto superiormente da una palpebra in pelle con cuciture tono su tono per non disturbare con possibili riflessi la dinamica di guida. Al centro della plancia troviamo 4 bocchette di aerazione circolari sviluppate in una linea orizzontale e poco sopra uno “svaso” dove viene integrato l’infotainment di questa Mercedes AMG GT.

Il tunnel centrale ospita ad ambo i lati un totale di 8 tasti per la gestione di alcune funzionalità come il settaggio motore/cambio/ammortizzatori, l’attivazione o meno del sistema ESP, la gestione dello scarico più o meno rumoroso, la funzione start&stop, l’attivazione del cambio automatico/manuale e la regolazione del volume. Nella corsia centrale del tunnel troviamo invece la levetta del cambio e il sistema del command online comandato con un rotore fisico o un touchpad per le gesture touchscreen.

Vista laterale

Un v8 di tutto rispetto

Sotto al cofano si nasconde un 4 litri v8 biturbo da ben 462cv e 600Nm di coppia massima. La velocità massima si attesta a 304km/h mentre l’accelerazione da 0 a 100km/h sfiora i 4s consentendo un consumo medio a detta della casa di Stoccarda di 9 litri ogni 100km. Prezzo a partire da 128722 euro (disponibile anche in versione roadster).

Le versioni disponibili oltre alla versione base appena descritta sono:

  • AMG GT S: 522cv, accelerazione da 0 a 100km/h in 3.8s, velocità massima di 310km/h e prezzo a partire da 148111 euro.
  • AMG GT C: 558cv, accelerazione da 0 a 100km/h in 3.7s, velocità massima di 317km/h, disponibile anche in versione roadster e prezzo a partire da 161324 euro.
  • AMG GT R: 585cv, accelerazione da 0 a 100km/h in 3.6s, velocità massima di 318km/h e prezzo a partire da 178410 euro.
  • AMG GT R PRO: è la versione più esasperata, con un pacchetto aerodinamico estremo grazie all’estrattore anteriore e posteriore arricchiti da molteplici fughe d’aria il tutto con l’utilizzo di materiali piuma come il carbonio. Anche lo spoiler non è più a scomparsa ma diventa fisso ma comunque regolabile elettricamente per migliorare il carico aerodinamico. L’estrattore posteriore ospita inoltre un enorme scarico unico a forma trapezoidale. Il carbonio lo troviamo poi in altri dettagli come le prese d’aria e le minigonne laterali. Dal punto di vista meccanico viene montato un propulsore 4 litri v8 biturbo da 585cv e 700Nm con un accelerazione da 0 a 100km/h in soli 3.6s. Prezzo di circa 221151 euro.

Video interessanti

  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Consigli utili per la guida in pista