Land Rover Discovery Sport: bella fuori…ma gli interni non sono all’altezza

Land rover Discovery Sport

Land Rover Discovery Sport, morbida e levigata dove serve per far percepire le dimensioni giuste. Stiamo parlando di 4.5 di lunghezza, 2.7 di passo, 1.7 di altezza e 2.06 di larghezza. L’angolo di attacco è di 23.4°, l’angolo di dosso di 20° mentre l’angolo di uscita di 31°.

Il design è aggressivo e sicuro grazie ai gruppi ottici a sviluppo orizzontale con firma luminosa a led uniti al centro da una griglia tramata. Il cofano rimane molto pulito con la presenza del solo lettering “discovery”. La parte bassa dell’anteriore presenta invece una presa d’aria a forma trapezoidale e poco sotto un paraurti con colore di stacco dalla carrozzeria.

Di lato la fiancata risulta molto avvolgente soprattutto nella parte bassa in corrispondenza del battitacco. Non ci sono nervature pronunciate o prese d’aria. Ad alleggerire i volumi sono il rapporto equilibrato tra metallo e vetri, il montante anteriore sottile e  quello posteriore inclinato. Il posteriore è molto particolare grazie ai gruppi ottici a sviluppo orizzontale con firma a led luminosa a forma di “bussola” e la calotta di copertura in color trasparente. È presente sulla parte alta uno spoiler molto sportivo mentre al basso il paraurti è bombato verso l’esterno e presenta un fascio con colore di spicco rispetto a quello della carrozzeria come già succede nel frontale.

Vista frontale
Vista frontale

Land Rover Discovery Sport: interni

Lo spazio per Discovery Sport è davvero tanto ed è ordinabile sia in configurazione 7 posti che 5 posti. Aprendo il portellone dotato di tecnologia elettroattuata in apertura e chiusura si accede ad un vano molto ampio e regolare con un’altezza da terra perfetta per caricare gli oggetti. I sedili sono ribaltabili grazie a degli appositi pulsanti posizionati nelle pareti del bagagliaio, i rivestimenti sono molto robusti e la cappelliera una volta smontata trova posto nel vano anche se con qualche movimento difficoltoso. La capacità totale del vano a sedili eretti è di 981 litri, una volta abbattuti si raggiungono ben 1698 litri.

Salire a bordo è semplicissimo grazie a dei giro-porta ampissimi e regolari e un’altezza da terra che non costringe a nessun rannicchiamento. Anche sedendosi si è davvero comodi con un soffitto altissimo, uno spazio per gambe e piedi abbondante e sedili confortevoli e avvolgenti. Non mancano per chi siede posteriormente 3 prese elettriche da 12v. I sedili posteriori possono inoltre essere regolati in inclinazione ma anche in estensione consentendo ai passeggeri di poter distendere perfettamente le gambe. Non mancano per l’abitacolo posteriore le bocchette di aerazione posizionate lateralmente.

Design e tecnologia

La qualità dell’abitacolo si percepisce sia visivamente sia se si procede a toccarla con mano ma il tutto è studiato oltre che per un piacere estetico anche per ottenere il massimo della comodità. Il design è molto razionale e pulito e sviluppa molte zone per poter posizionare oggetti più o meno ingombranti di uso quotidiano. Rispetto alle sorelle Range Rover si percepiscono delle plastiche lisce in più e dei sedili leggermente meno lussuosi.

L’infotainment viene sviluppato al centro plancia incastonato con dei tasti fisici a lato anche se è comunque possibile gestirlo tramite touchscreen. Il navigatore è forse il punto debole di questo sistema a causa di poca fluidità e della voce di navigazione che non “parla” bene italiano. Sul comparto tecnologico son presenti poi il sistema Audio Sorround Meridian, il Touch Pro, il Connect Pro, il Protect, il Secure Tracker e il sistema di intrattenimento posteriore.

Interni della Land Rover Discovery Sport
Interni della Land Rover Discovery Sport

Dinamica di guida

Procedendo alla guida, nonostante sia più lunga di Evoque di 30cm, è facile da guidare perché si percepiscono bene gli ingombri e la visibilità è molto buona. Anche le sospensioni attutiscono bene le irregolarità stradali consentendo però allo stesso tempo una vettura salda a terra e non troppo “ballerina” in curva.

Pacchetti e allestimenti disponibili

  • “graphite design pack”: composto da tetto a contrasto grey, specchietti retrovisori narvik black, cerchi in lega gloss dark grey da 18/19/20 pollici. ma anche prese d’aria, griglia e profilo in dark atlas.
  • “dynamic design pack”: molto più sportivo e accattivante grazie ai cerchi da 20 pollici gloss black, la finitura cromata del tubo di scarico e interni in pelle traforata e micropiping a contrasto.

Gli allestimenti disponibili sono:

  • Pure
  • SE
  • HSE
  • HSE LUXURY

Le motorizzazioni e i prezzi

Sono il benzina 2.0 Si4 da 241cv o 290cv con cambio automatico sequenziale a 9 marce offerto come optional al manuale a 6 rapporti. Diesel è disponibile con le versioni 2.2 da 150cv o da 179cv. I prezzi partono da 36800 euro.

Video interessanti

  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote