Lamborghini Urus, super SUV per super prestazioni

Lamborghini Urus

Un toro per tutte le occasioni. Le diverse anime della Lamborghini Urus si amalgamano splendidamente, senza tuttavia confondersi. Rispetto ad altri modelli di casa Volkswagen, di cui il marchio di Sant’Agata Bolognese fa parte, lo Sport Utility Vehicle targato Lamborghini ne condivide meccanica ed elettronica. Ma non la messa a punto, che è specifica e non potrebbe essere altrimenti. Il SUV del Toro è un’eccellenza della categoria con prestazioni da supersportiva e un’agilità insospettabile per un gigante lungo oltre cinque metri e pensate più di duemila chili.

La Lamborghini Urus nasce nel 2018 sulla scorta del prototipo presentato quattro anni prima al Salone dell’automobile di Pechino. Non si tratta tuttavia del primo SUV della casa emiliana, ma succede alla Lamborghini LM 002 prodotta tra il 1986 e il 1993. Un digiuno lungo venticinque anni che non ha impedito agli uomini di Sant’Agata Bolognese di stupire. E in positivo. Non è un caso che nel 2018 le vendite della casa del toro abbiano registrato un incremento superiore al cinquanta percento rispetto all’anno immediatamente precedente. Un risultato raggiunto grazie anche ai 1.761 esemplari di Urus acquistati dagli appassionati di tutto il mondo.

Interni della Lamborghini Urus
Interni della Lamborghini Urus

Lamborghini Urus: design e interni

Pur trattandosi di un SUV, le linee della Lamborghini Urus richiamano quelle esagonali tipiche delle vetture della casa italiana. Forme spigolose e accattivanti, aggressive, dalla forte personalità, ma lussuose nell’ambiente di guida. Tutto sullo Sport Utility Vehicle del toro è sviluppato in funzione dell’aerodinamica. Specie prese d’aria e fondo che, assieme all’ampio splitter anteriore, sono disegnati con lo scopo di massimizzare la gestione dei flussi d’aria. Non solo, se guardiamo al retrotreno, vediamo che anche le alette poste ai lati del lunotto, così come lo spoiler splendidamente integrato nel bagagliaio, contribuiscono a vincere la resistenza dell’aria. Specie a velocità sostenute.

Dentro, la Lamborghini Urus si presenta sofisticata e lussuosa, senza rinunciare all’inclinazione sportiva che è nel DNA delle autovetture di Sant’Agata Bolognese. Anzi, l’esagonalità tipica Lamborghini è ripresa senza indugio nell’abitacolo della Urus. Dalle bocchette dell’aria, al volante, all’abbondante strumentazione, tutto, nelle linee, si rivolge alla tradizione della casa del toro. Persino le maniglie delle porte non rinunciano agli spigoli.

Il design del cruscotto è a Y e il guidatore può stare comodo perché tutti i pulsanti sono pensati a portata di mano. Sul volante, dal quale è possibile controllare il Lamborghini Infotainment System (LIS), è integrato uno smorzatore di vibrazione che ne migliora il confort in fase di guida. Le informazioni della nostra Urus sono presentate in 3D all’interno di un display TFT completamente digitale. Inoltre, il sistema LIS III ci permette di gestire vocalmente musica, chiamate e messaggi di testo. Non solo, i sedili sono elettrici, riscaldati e a 12 regolazioni, mentre il divano posteriore da tre posti è ribaltabile. Un’opzione che permette al baule del SUV Lamborghini di portare la propria capienza da 616 a 1.596 litri. Per chi invece preferisse una vettura quattro posti, la Urus è disponibile anche in versione con i due sedili posteriori al posto del divano.

Prestazioni

Il motore della Lamborghini Urus è un ruggente V8 Twin-scroll biturbo da 3.996 centimetri cubi di cilindrata. Un gioiello in grado di erogare 650 cavalli di potenza a 6.000 giri al minuto, con un picco massimo registrato a 6.800 giri/minuto. Si tratta di un otto cilindri in grado di distribuire 850 Newton metri di coppia massima e capace di far scattare il SUV emiliano da zero a cento chilometri orari in 3,6 secondi. Aggiungiamoci poi i 12,8 secondi impiegati dalla Urus per toccare quota 200 e i 305 chilometri orari di velocità massima e allora capiremo perché c’è chi lo chiama Super Sport Utility Vehicle. Si tratta di prestazioni da granturismo, alle quali aggiungiamo i 33,7 metri necessari a frenare dalla velocità di cento chilometri l’ora e la grande agilità dovuta alle ruote posteriori sterzanti.

I freni della Lamborghini Urus sono carbo-ceramici, mentre il cambio è automatico a otto rapporti. Niente doppia frizione ma un sistema a trazione integrale con differenziale autobloccante di tipo Torsen a slittamento limitato e distribuzione asimmetrica. Importanti anche la funzione di torque vectoring per una migliore guidabilità e il sistema ANIMA per la gestione delle tante modalità di guida. Quante? Tre quelle su strada: STRADA, SPORT e CORSA; altrettante quelle del pacchetto off-road: TERRA, SABBIA e NEVE. Inoltre, grazie alla modalità EGO, è possibile impostare la dinamica della vetture in base alle nostre preferenze.

Vista laterale
Vista laterale

Prezzi e consumi

La Lamborghini Urus è disponibile sul mercato in due modalità, identiche per motore e differenti per il numero dei posti, quattro o cinque, con un prezzo base di un niente inferiore ai 208 mila euro (207.999). Si tratta di un costo certamente elevato se pensiamo alla Urus come a un semplice SUV. Meno se ci concentriamo sull’eccellenza prestazionale che fanno del gigante emiliano un Super Sport Utility Vehicle a tutti gli effetti.

Elevati anche consumi ed emissioni, sui livelli di una una granturismo. Basti dire che la Lamborghini Urus necessità in media di 12,7 litri di benzina per percorrere 100 chilometri. Mentre, per ogni chilometro di strada lasciato alle spalle, il SUV emiliano rilascia nell’aria circa 325 grammi di anidride carbonica. Tanti.

Scheda tecnica della Lamborghini Urus

Lunghezza: 5,112 metri
Larghezza: 2,016 metri (2,181 specchietti inclusi)
Altezza: 1,638 metri
Peso: 2.200 kg
Passo:3,003 metri

Motore: V8 Twin-scroll biturbo
Cilindrata: 3996 cm3
Potenza massima: 478 kW (650 cv) a 6.000 giri al minuto
Regime massimo: 6.800 giri / minuto
Coppia massima: 850 Nm
Trasmissione e cambio: Trazione integrale con differenziale centrale a slittamento limitato e distribuzione asimmetrica / dinamica della coppia (tipo Torsen)

Accelerazione 0-100 km/h: 3,6 secondi
Accelerazione 0-200 km/h: 12,8 secondi
Decelerazione 100-0 km/h: 33,7 metri
Velocità massima: 305 chilometri orari

Consumi medi dichiarati: 12,7 litri / 100 km

Emissioni media dichiarate: 325 grammi di CO2 / km

4.0 V8 biturbo 5 posti: a partire da € 207.999

Video interessanti

  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare