Jeep Cherokee: il SUV di nuova generazione per ogni tipo di percorso

Jeep Cherokee

La Cherokee è un’auto versatile, in grado di offrire il meglio della tecnologia e della tradizione di casa Jeep. Questo in aggiunta a linee decisamente trendy e dinamiche, anche grazie al recente rinnovo (l’ultimo restyling risale infatti al 2018).

Perfetta per chi ama l’off road, le misure importanti le permettono di soddisfare al contempo chi cerca il comfort per la famiglia ed uno spazio adeguato per cinque persone. Con la nuova versione ingegneri e designer hanno infatti prodigato i propri sforzi per garantire ancora più spazio e comfort.

Vediamo insieme tutti i dettagli riguardanti questo Suv partendo dal design esterno.

Jeep Cherokee: dimensioni ed esterni

Partiamo dalle dimensioni esterne della vettura, che misura 4,846 metri di lunghezza per 1,943 metri di larghezza, mentre l’altezza da terra è di 1,802 metri. Già questi numeri aiutano a rendersi conto del fatto che ci troviamo davanti ad un’auto di dimensioni importanti. L’ultimo restyling ha previsto un intervento globale.

Dettagli
Dettagli

Partendo dalla vista frontale, il SUV si presenta con l’inconfondibile mascherina a sette spazi integrata perfettamente con il baule anteriore. La fascia frontale appare quindi molto più lineare e pulita di prima, mentre i fari Led ed i fendinebbia si accoppiano con eleganza all’impostazione del frontale. Il baule anteriore possiede leggere nervature centrali che caratterizzano l’auto donando un senso di dinamicità e armonia ripreso anche dalle linee della fiancata.

Lateralmente l’auto si distingue per i grandi passaruote, in grado di ospitare una gommatura importante. I cerchi in lega esaltano l’altezza dell’auto e riprendono lo stile Jeep (a richiesta è possibile scegliere sulla base di diversi effetti estetici). Infine, la parte posteriore della vettura è contraddistinta dai fari orizzontali Led integrati nel cofano e da un portellone abbastanza verticale (caratterizzato per la presenza del meccanismo di apertura automatica, in attivazione con un tocco del piede sotto al paraurti inferiore).

A dare personalità e utilità al tetto dell’auto si trovano invece le due classiche barre portabagagli pensate per ampliare ulteriormente le possibilità di carico. Complessivamente la Cherokee si presenta molto ben riuscita nel suo nuovo restyling, avendo guadagnato un aspetto più moderno e pulito (sebbene risulti forse maggiormente convenzionale rispetto alla versione precedente).

Interni della Jeep Cherokee
Interni della Jeep Cherokee

I motori disponibili su questa Jeep

Per quanto concerne le motorizzazioni disponibili sulla vettura, si parte dal Turbodiesel MultiJet 2.2 da 150 Cavalli, presente solo in versione 4 x 2 e con cambio manuale. Chi vuole optare per il cambio automatico deve invece puntare alla stessa motorizzazione ma con potenza da 195 Cavalli. I consumi medi sono stimati attorno ai 6 litri ogni 100 chilometri, mentre ogni modello assicura l’adeguamento alla normativa Euro 6D Temp.

Jeep Cherokee: interni e allestimenti

L’allestimento interno della vettura vede certamente un passo in avanti rispetto alla versione precedente. Il restyling dello scorso anno ha infatti portato ad una importante razionalizzazione degli spazi. L’abitacolo ora possiede quindi linee più pulite, ma anche nuovi pratici portaoggetti.

Centralmente spicca lo schermo touch del sistema di infotainment, che ha liberato anche la vettura da diverse manopole e pulsanti di regolazione manuali. Il volante a tre razze possiede i comandi integrati per evitare inutili distrazioni alla guida, mentre il tachimetro ed il contagiri si posizionano a lato del display monocromatico lcd da 3,5 pollici (a richiesta disponibile anche in versione da 7 pollici ed a colori).

I sedili sono comodi, avvolgenti ed in grado di sostenere bene sia il guidatore che i passeggeri anche per lunghe percorrenze o durante eventuali off road. Da notare anche la capacità di carico posteriore, incrementata di circa 70 litri. Il baule ora può offrire fino a 570 litri di spazio. Ovviamente gli interni e le dotazioni dell’auto cambiano in base al tipo di allestimento scelto. Così, si parte dalla Longitude che è già in grado di offrire i fari anteriori a Led, i cerchi in lega da 17 pollici e numerose dotazioni di sicurezza, oltre al climatizzatore automatico bizona.

Per chi desidera di più c’è a disposizione la versione business, che aggiunge il sistema U-Connect con schermo da 8.4 pollici, oltre ad ulteriori dotazioni di comfort (come il sedile ed il volante riscaldabili). Infine, la Limited e la Overland consentono l’accesso al top di gamma, con cerchi in lega da 18 pollici, quadro di strumentazione da 7 pollici ed a colori e sistema audio avanzato.

Prezzi e considerazioni finali

Siamo giunti al termine della nostra recensione riguardante la Jeep Cherokee ed è arrivato quindi il momento di parlare di prezzi. Bisogna premettere che visto il tipo di auto e l’aspirazione a rappresentare un Suv di lusso, bisogna prepararsi ad un acquisto certamente non economico. Il listino prevede infatti un ingresso con il modello Longitude da circa 43mila euro. Crescendo con le dotazioni e gli allestimenti si arriva però a superare le 50mila euro, come nel caso della versione Overland.

Video interessanti

  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili