Jaguar I-Pace, il SUV silenzioso ed ecologico

Jaguar I-Pace

Non c’è due senza tre. Jaguar I-Pace è, cronologicamente parlando, il terzo SUV uscito dalla matita degli ingegneri di Coventry. Ciò nonostante, si tratta comunque di una prima volta per gli uomini del giaguaro, trattandosi del primo Sport Utility Vehicle completamente elettrico prodotto dalla casa fondata da William Lyons.

Jaguar I-Pace: design e interni

La Jaguar I-Pace è un SUV Crossover dalla forma sinuosa e dall’abitacolo ampio, complici anche le dimensioni tutt’altro che contenute (4,68 i metri di lunghezza, 201 i centimetri relativi alla voce larghezza). L’appeal è tipicamente sportivo, con i parafanghi bombati e l’ampia mascherina che domina l’anteriore a cavallo delle prese d’aria, anch’esse piuttosto vistose. Il tetto segue le line appuntite dei finestrini, che a loro volta si disegnano a partire dall’evoluzione a onda impressa dalle fiancate lungo le quattro portiere. Imponenti anche i cerchi, con misure fino a 22 pollici.

Interno della Jaguar I-Pace
Interno della Jaguar I-Pace

Internamente, la Jaguar I-Pace si presenta estremamente moderna e si fa apprezzare per una certa cura dei dettagli. Oltre ai rivestimenti in pelle, trova ampio spazio la tecnologia, con tre grandi schermi posti su cruscotto, plancia e consolle. La strumentazione abbonda ma è disposta con criterio, conferendo all’abitacolo una certa armonia simmetrica.

Gli spazi sono confortevoli e ai sedili anteriori regolabili elettricamente, si accompagna un divano posteriore che garantisce una certa comodità anche quando dietro si sta seduti in tre. Infine, nonostante lo spazio “rubato” dalle batterie elettriche, il baule si presenta comunque capiente grazie ai 656 litri che diventano 1453 a divano abbassato.

Motore e prestazioni

Come detto, Jaguar I-Pace è il primo SUV completamente elettrico della casa di britannica. Ad alimentarlo, infatti, sono due batterie al litio, una posta all’avantreno (e collegata alle ruote anteriori), l’altra sistemata nel retrotreno e in sinergia con le ruote posteriori. Entrambe le batterie sono in grado di erogare 200 cavalli per una potenza complessiva di 400 cv e una coppia massima di 696 Newton metri. Tradotto in prestazioni, il crossover inglese è in grado di raggiungere i 200 chilometri orari di velocità di punta. Mentre, alla voce accelerazione, sono 4,8 i secondi impiegati dalla I-Pace per passare da zero a cento chilometri l’ora.

Vista frontale
Vista frontale

Si tratta di numeri di tutto rispetto, specie in considerazione del peso complessivo: 2.208 chilogrammi di massa a secco. Tali prestazioni possono poi avvantaggiarsi di alcuni optional davvero interessanti, come i deflettori attivi per un migliore equilibrio tra raffreddamento e aerodinamica. Non solo, a spiccare è anche il sistema frenante rigenerativo per il recupero dell’energia di frenata.

Tornando alle batterie, invece, è interessante scoprire che queste garantiscono un’autonomia dichiarata di 470 chilometri. Mentre il tempo di ricarica è stimato intorno alle tredici ore anche se, potendo disporre di un punto di ricarica rapido (da 100 kW, per intenderci), la ricarica dovrebbe completarsi in meno di sessanta minuti.

Jaguar I-Pace: prezzo e consumi

Disponendo di un’unica motorizzazione, il prezzo della Jaguar I-Pace dipende in primo luogo dall’allestimento, oltre che dagli optional. Possiamo infatti scegliere tra la versione base S, in vendita a partire da 82.460 euro, e le versioni SE (90.610 euro) e HSE (96.760 euro). Non una vettura economica, certo, ma dalle alte prestazioni per quanto riguarda consumi e (ovviamente) emissioni.

Vista posteriore
Vista posteriore

Alla prima voce, vediamo che lo Sport Utility Vehicle britannico consuma tra i 22 e i 24,8 kWh ogni cento chilometri di strada. Mentre le emissioni, come è facile intuire trattandosi di una vettura total electric, sono ridotte a zero. Insomma, se cercate un SUV dalle buone prestazioni e che rispetta l’ambiente, una vettura comoda specie nell’abitacolo, la Jaguar I-Pace farà sicuramente al caso vostro.

Diverso il discorso qualora guardiate al portafoglio o cerchiate una vettura maneggevole, specie per la guida in città. Anche al netto del sistema di frenata rigenerativo, il crossover inglese risulta ingombrante e non sempre facile da manovrare. Lo Sport Utility Vehicle del giaguaro ama distinguersi e farsi scoprire. Una vettura adatta per chi sa cosa vuole e cerca qualcosa di nuovo. Decisamente, non il solito SUV.

Video interessanti

  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Consigli utili per la guida in pista
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno