Hyundai Kona Hybrid: il SUV compatto ibrido attento all’ambiente

Hyundai Kona Hybrid: il SUV compatto ibrido attento all’ambiente

La versione ibrida della Hyundai Kona si presenta al mercato nel momento giusto. Questo perché la maggior parte dei nuovi potenziali acquirenti ha già compreso le potenzialità dell’elettrico, ma non è ancora pronto a fare il balzo a 360 gradi. Ecco quindi che il produttore coreano presenza nel comparto SUV di segmento B una proposta in grado di ridurre le emissioni e di potenziare il divertimento alla guida con il powertrain ibrido benzina – elettrico.

Il tutto senza dover modificare l’impianto di casa propria per far montare una presa specifica nel box e senza dover andare alla ricerca di una colonnina di ricarica nel caso si stia esaurendo l’autonomia, cosa che invece accade per chi sceglie il full electric.

Vista posteriore
Vista posteriore

Hyundai Kona Hybrid: dimensioni e l’aspetto esteriore

Dal punto di vista estetico la versione ibrida di Kona mantiene il medesimo aspetto di quella tradizionale. Le dimensioni restano dunque 4,180 metri di lunghezza per 1,8 metri di larghezza, mentre l’altezza da terra corrisponde a 1,57 metri. Anche la carrozzeria si mantiene in linea con le altre versioni disponibili in listino.

Si ritrova la calandra esagonale a griglia con al centro il logo del marchio automobilistico e la targa. Identiche anche le configurazioni dei gruppi ottici, che si sviluppano su due diversi livelli. Sulla fiancata la linea filante può essere arricchita da due specifiche configurazioni di cerchi in lega (rispettivamente da 16” e da 18”).

Questo rappresenta un vero e proprio meccanismo di personalizzazione, visto che sono presenti due design specifici per la versione ibrida. Anche posteriormente l’auto conferma le caratteristiche della versione tradizionale, mentre i colori carrozzeria tra cui scegliere si confermano 10.

Interni
Interni

Il motore ibrido punta su risparmio e fluidità di guida

Dal punto di vista della motorizzazione offerta con la versione ibrida siamo di fronte ad un 1,6 CM3 a benzina con potenza da 105 cavalli che si unisce ad un motore elettrico da 43,5 cavalli. Combinando la potenza dei due propulsori si arriva quindi oltre i 140 cavalli complessivi. I tecnici di Hyundai sono riusciti a creare un’unione in grado di sviluppare le proprie prestazioni con grande fluidità.

L’auto si dimostra pronta e scattante anche partendo da bassi regimi, proprio grazie al provvidenziale intervento dell’unità elettrica. Il tutto si configura e amministra senza necessità di intervento da parte del guidatore, che può fruire anche di un cambio automatico a 6 rapporti.

A quest’ultimo si può fare ricorso manualmente grazie ai paddle sul volante, oppure tramite il selettore tradizionale. I benefici di questa versione non si riscontrano però solo nel piacere di guida. Infatti, i consumi si riducono e garantiscono ottime performance, attestandosi attorno ai 3,9 litri ogni 100 chilometri.

Interni e allestimenti della Hyundai Kona Hybrid

Anche per gli interni l’abitacolo della Kona appare identico alle versioni alimentate con motori di tipo tradizionale. L’auto garantisce ottimo comfort e spazio adeguato per il tipo di segmento, che è quello dei SUV compatti. Oltre alla qualità generale dei materiali e del montaggio, piccoli particolari concorrono a rendere l’ambiente interno dell’auto molto piacevole.

Vista laterale
Vista laterale

Si pensi ad esempio ai numerosi portaoggetti, al bracciolo reclinabile con portabottiglie o al baule facilmente regolabile in base al tipo di carico. Per quanto concerne gli allestimenti si parte dalla versione XTech e si prosegue con le più ricche Xprime ed Excellence. Già in partenza abbiamo di serie abs, avvisto anti colpo di sonno, comandi al volante e monitoraggio del superamento involontario di corsia.

Prezzi e considerazioni finali

Siamo giunti al termine del nostro approfondimento riguardante la Hyundai Kona Hybrid ed è giunto quindi il momento di parlare di prezzi. Per mettere nel proprio box la configurazione base di questa vettura bisognerà prepararsi a sborsare almeno 26300 euro, che salgono a 28mila euro per la XPrime.

La completissima Excellence richiede invece una spesa non inferiore a circa 32mila euro. Per chi fosse interessato a procedere all’acquisto il consiglio è di approfittare delle periodiche campagne promozionali della casa automobilistica, che permettono in media di risparmiare circa 3mila euro rispetto al prezzo presente in listino.

Video interessanti

  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare