Ford Mondeo: massima libertà con la tecnologia a doppia alimentazione

Ford Mondeo: massima libertà con la tecnologia a doppia alimentazione

Una berlina in grado di coniugare comodità ed eleganza con consumi ridotti, grazie all’opzione della versione ibrida. È questo il segreto della Ford Mondeo, proposta dal produttore automobilistico americano anche nella versione Hybrid per confrontarsi con le altre vetture a doppia alimentazione presenti sul mercato.

L’auto è ora in grado di soddisfare le aspettative relative ai consumi, andando quindi a competere con le prestazioni offerte da auto di alto standing (come nel caso di Lexus). Non manca un certo senso di sportività tanto nella linea quanto nelle possibilità di guida, anche se in questo senso non bisogna pretendere troppo. La vera essenza di questa vettura punta infatti al comfort, un elemento che viene garantito in ogni situazione di percorrenza.

Vediamo insieme tutti i dettagli a partire dalle dimensioni e dal design esterno.

Ford Mondeo: dimensioni e aspetto esteriore

Partiamo dalle dimensioni di questa vettura, che misura 4,87 metri di lunghezza per 1,85 metri di larghezza, mentre l’altezza da terra corrisponde a 1,5 metri. Le misure inquadrano l’auto nella casella della berlina, con spazi adeguati sia per l’utilizzo in città che per i viaggi di lunga percorrenza.

Interni della Ford Mondeo

Dal punto di vista del design il restyling risalente al 2019 ha modernizzato ulteriormente le forme già dinamiche, andando ad aggiungere diversi ritocchi estetici e differenziando ulteriormente le versioni precedenti. Infatti, ora la Titanium si distingue maggiormente dalla più sportiveggiante versione ST Line, un elemento che diviene ancora più evidente se si parla della Vignale (pensata per chi desidera una vettura di elevato standing).

Nel frontale continua a primeggiare la calandra esagonale, alla quale si affiancano i defilati gruppi ottici. Quest’ultimi sono stati uno degli elementi di maggior impatto sui quali i designer sono intervenuti con l’ultimo aggiornamento della vettura. Il resto del frontale è caratterizzato dalle nervature presenti sul cofano dell’auto, che mettono in mostra la dinamicità dell’auto pur senza diventare eccessivamente aggressivi.

Di lato troviamo una linea elegante e raffinata, che vede come principali protagonisti i larghi passaruote ed i cerchi in lega appena rinnovati nello stile. L’auto è defilata e lineare e si chiude con una forma a goccia nella parte posteriore. Quest’ultima presenta fari orizzontali integrati nel baule, al centro del quale è disposta la targa. Infine, nella parte in basso troviamo il doppio scarico cromato, in grado di donare eleganza ed allo stesso tempo sportività.

Per chi desidera ancora più spazio è disponibile anche la versione station wagon. In questo caso il principale vantaggio è ovviamente nel bagagliaio ancora più ampio, che passa dai 383 litri della berlina ai 525 della versione familiare.

Il motore ibrido della nuova Mondeo Hybrid

Tra le novità più interessanti proposte con la nuova Ford Mondeo la motorizzazione ibrida da 187 cavalli rappresenta certamente un plus, anche per i risvolti sui consumi. L’ibrido è caratterizzato da un propulsore a benzina da 2.0 a ciclo Atkinson che lavora assieme ad un motore elettrico, supportato da una batteria da 1,4 KWh.

Il cambio è disponibile solo in versione automatica. Il principale vantaggio di questa motorizzazione si concretizza ovviamente quando si osservano i consumi. L’auto è infatti in grado di percorrere mediamente 100 km con appena 4,8 litri, un risultato che risulta notevole se paragonato alle prestazioni comunque brillanti sperimentabili al volante. In alternativa è possibile rivolgersi alle motorizzazioni tradizionali.

Qui Ford propone un 2.0 diesel a partire da 150 cavalli e 110 Kw di potenza, disponibile anche in versione da 190 cavalli e 140 Kw di potenza. Tutti i motori sono omologati alla normativa Euro 6D – Temp.

Vista laterale

Ford Mondeo: gli interni e gli allestimenti

Dal punto di vista degli interni l’ultimo aggiornamento della Mondeo conferma l’impostazione precedente tanto dal punto di vista del comfort quanto della tecnologia. La plancia presenta linee ordinate ed è caratterizzata da materiali di elevata qualità, mentre anche il montaggio risulta eseguito con cura.

Al centro domina l’ampio display, che consente di controllare il sistema di infotainment della vettura. I sedili forniscono il giusto sostegno, mentre il guidatore è in grado di trovare una posizione adeguata con facilità. Da notare che lo spazio di seduta risulta confortevole per quattro persone e comunque sufficiente anche per il quinto passeggero.

L’altro aspetto interessante riguarda l’assistenza tecnologica fornita ai passeggeri, ed in particolare al guidatore. Già dal modello di base (denominato Plus) è possibile infatti usufruire del sistema Sync (che permette di collegare lo smartphone all’impianto multimediale), ma anche del climatizzatore automatico.

I più completi allestimenti Titanum ed ST Line (nella versione sportiva) oltre agli elementi estetici aggiungono optional come il cruise control, i sedili sportivi ed altri elementi di assistenza alla guida. La versione più ricca è però la Vignale, così come avviene per gli altri modelli del marchio.

Prezzi e considerazioni finali

Siamo giunti al termine della nostra recensione ed è arrivato quindi il momento di parlare di prezzi. Il listino prevede un prezzo di ingresso a partire da circa 32.500 euro. Con questa cifra è possibile mettere nel proprio box la versione base, denominata plus.

Crescendo in dotazioni e allestimenti bisogna prepararsi a veder salire velocemente la spesa. Le versioni più costose superano ampiamente le 40mila euro, per avvicinarsi alle 50mila nel top di gamma.

Video interessanti

  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare