Ferrari Portofino, doppia forma di seduzione

Ferrari Portofino

Dalle coste dell’Oceano Pacifico a quelle che si affacciano sul Mar Ligure il passo è breve. O almeno così lo fa sembrare la Ferrari che, dopo un decennio, nel 2018 manda in pensione la splendida California per sostituirla con l’innovativa Ferrari Portofino. Uno compito mica facile per la nuova coupé/cabriolet del Cavallino, chiamata a sostituire la rossa più venduta di sempre.

Rispetto alla precedente California T, la Ferrari Portofino porta in dote quaranta cavalli in più nel cofano motore. Una bella iniezione di potenza a cui aggiungere gli effetti dell’efficace cura dimagrante realizzata dagli ingegneri del Centro Stile Ferrari. Rispetto al modello precedente, la Ferrari Portofino è più snella di ottanta chili. Vale a dire, dieci chilogrammi in meno per cilindro.

Vista frontale
Vista frontale

Design e interni della Ferrari Portofino

Progettata per essere bella, la Ferrari Portofino non delude le attese, risultando magnifica sia nella versione con tettuccio, sia in quella scoperta. Non troppo allungata, il giusto sollevata rispetto al suolo. Il gioiello di Maranello ha un muso ampio che ricorda da vicino quello della Ferrari 812 Superfast, molto corto invece il posteriore, quasi tagliato.

Rispetto ai tre volumi della California, la Ferrari Portofino presenta un configurazione due volumi fast-back. Una scelta interessante che sembra voler spingere sulle linee maggiormente sportive della rossa senza per questo andare perdere in eleganza. La pietra più preziosa è tuttavia la capote rigida retrattile in alluminio che i tecnici del Cavallino hanno realizzato con tecnologia RHT (Retractable Hard Top), un sistema che permette di aprire o chiudere il tettuccio in appena 14 secondi. L’azione può essere eseguita anche con auto in movimento, purché a bassa velocità.

Internamente, la Ferrari Portofino presenta un abitacolo sportivo quanto elegante. Una 2 + 2 i cui interni sono rivestiti interamente in pelle, plancia compresa, e disponibili in quindici configurazioni diverse. Oltre al volante, con il consueto manettino per la gestione della dinamica, balza subito agli occhi la sofisticatezza della strumentazione.  Grazie ai due display TFT posti ai lati del contagiri analogico, è possibile tenere sotto controllo tutti i parametri del potentissimo otto cilindri di Maranello.

Interni della Ferrari Portofino
Interni della Ferrari Portofino

Prestazioni

Nel cofano anteriore della Ferrari Portofino romba il pluripremiato otto cilindri Ferrari, insignito per il terzo anno consecutivo del prestigioso riconoscimento di Best Engine of the Year. Si tratta di un V8 con inclinazione a 90 gradi capace di erogare 600 cavalli di potenza a 7.500 giri al minuto. Un gioielli che consente alla Portofino di raggiungere i cento chilometri orari, da ferma, in appena 3,5 secondi, e i duecento in meno di undici (10,8). Un motore da 3.885 centimetri cubi di cilindrata in grado di spingere la vettura del Cavallino oltre i 320 chilometri orari.

Ma la Ferrari Portofino non è solo motore. Confermato, come da consuetudine per le ultime nate nelle officine di Maranello, il Cambio F1 a doppia frizione 7 marce, un gioiello che garantisce maggiore velocità e precisione sia in salita che in scalata. Sempre presenti anche il differenziale elettronico E-diff3 e il sistema F1-Trac.

Prezzi e consumi

Il prezzo di partenza della Ferrari Portofino è di poco inferiore ai 200 mila euro (196.061), oltre 50 mila euro di meno rispetto a un’altra coupé/cabriolet del cavallino rampante, la Ferrari 488 Spider anch’essa con motore da otto cilindri ma i cui cavalli sono 670. Ridotti, rispetto alla California, sia i consumi che le emissioni. La casa di Maranello dichiara infatti consumi nell’ordine degli 11,7 litri di carburante necessari alla percorrenza di cento chilometri, ed emissioni pari a circa 267 grammi di anidride carbonica ogni chilometro percorso.

Vista laterale
Vista laterale

Scheda tecnica della Ferrari Portofino

Lunghezza: 4,586 metri
Larghezza: 1,938 metri
Altezza: 1,318 metri
Peso: 1.545 kg
Passo: 2,670 metri
Carreggiata anteriore: 1,633 metri
Carreggiata posteriore: 1,635 metri

Motore: V8 – 90° turbo
Cilindrata: 3.885 cm3
Potenza massima: 441 kW (600 cv) a 7.500 giri al minuto
Regime massimo: 7.500 giri / min
Cambio: Cambio F1 Doppia Frizione a 7 marce

Accelerazione 0-100 km/h: 3,5 secondi
Accelerazione 0-200 km/h: 10,8 secondi
Decelerazione 100-0 km/h: 34 metri
Velocità massima: 320 chilometri orari

Consumi urbani dichiarati: 19,2 litri / 100 km
Consumi extraurbani dichiarati: 10,1 litri / 100 km
Consumi medi dichiarati: 11,7 litri / 100 km

Emissioni urbane dichiarate: 436 grammi di CO2 / km
Emissioni extraurbane dichiarate: 230 grammi di CO2 / km
Emissioni media dichiarate: 267 grammi di CO2 / km

Video interessanti

  • Consigli utili per la guida in pista
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare