Ferrari Monza SP1 e SP2, una serie molto esclusiva

Ferrari Monza SP1 SP2

Due modelli, a seconda che preferiate una monoposto o una biposto. Ferrari Monza SP1 e SP2 sono il primo capitolo di una nuova linea Ferrari, super esclusiva e denominata Icona. Sospese tra passato e futuro, SP1 e SP2 si rifanno alle barchette anni ’50. Ma a renderle esclusive non è solo il prezzo, superiore al milione e mezzo di euro, quanto piuttosto che non sono in vendita. O almeno non per tutti.

La casa di Maranello ha selezionato 499 clienti, considerati top e qualificati come ambasciatori del marchio, e solo a loro è stata fatta la proposta di acquisto. La serie Icona è stata fortemente voluta dal compianto Sergio Marchionne. Ma a lasciare ancora una volta senza fiato, è il fulgido estro degli ingegneri del Cavallino.

Come è possibile disegnare una vettura allo stesso tempo nostalgica e visionaria? Un prodigio estetico (anzi due) in grado di rifarsi all’essenzialità delle prime barchette con linee che sembrano planare direttamente dal futuro? È il mestiere, o meglio, l’arte, degli uomini del Centro Stile Ferrari, un Giano Bifronte in grado di trascinare il Mito all’interno di una nuova dimensione. Ugualmente leggendaria.

Ferrari Monza SP1
Ferrari Monza SP1

Design e interni

Come detto, Ferrari Monza SP1 e SP2 si rifanno alle linee e al concetto delle barchette di metà ‘900, grazie anche alle porte che si aprono verso l’alto. Si tratta di spider estreme, prive di capote e, nel caso delle neonate vetture del Cavallino, pure senza parabrezza. Le linee sono tuttavia avveniristiche, sulla base della Ferrari 812 Superfast della quale riprendono in parte anche anche il muso nonostante una linea dei fari del tutto inedita. Ai lati, SP1 e SP2 ricordano invece le Monza del passato, biposto storiche prodotte intorno alla metà degli anni ’50.

Abbondante il ricorso alla fibra di carbonio, per contenere il peso della vettura. La Ferrari Monza SP1 pesa 1.500 chili, mentre la SP2 appena venti in più. A colpire maggiormente è tuttavia l’assenza di parabrezza, specie trattandosi di una vettura in grado di superare i trecento chilometri orari. Così gli ingegneri di Maranello hanno pensato al Wind Shild Virtuale, un piccolo deviatore di flusso che integra il cupolino sul quale alloggiano volante e quadro. Uno strumento utile a basse velocità ma ininfluente appena il motore sale di giri. Per questo è fornito un kit Capsule con accessori firmati Loro Piana e Berluti. Un insieme di “attrezzi d’epoca” quali scarpe e casco in pelle utili, oltretutto, per un percorso sulle orme dei pionieri della velocità.

Interni della SP1
Interni della SP1

È internamente che le due Ferrari Monza marcano le maggiori differenze. Se la SP1 è una monoposto, la SP2 permette di condividere l’esperienza estrema in compagnia di un passeggero. O, se preferite, un copilota. Infatti, tutto nell’abitacolo fa pensare alle auto da corsa, quasi avvolgendo il pilota e lasciandone sporgere solo la testa. La strumentazione di bordo è minimal, mentre i sedili in monoscocca di carbonio sono interamente rifoderati in pelle. Salire a bordo di queste vetture significa immergersi in un’esperienza di guida a 360 gradi.

Prestazioni delle Ferrari Monza SP1 e SP2

Ferrari Monza SP1 e SP2 montano lo stesso motore. Si tratta di un dodici cilindri aspirato in grado di esprimere 810 cavalli a 8.500 giri al minuto. Un bolide che permette alla Ferrari Monza una progressione da zero a cento chilometri orari in meno di tre secondi (2,9) e di toccare quota duecento in appena 7,9. Il V12 – 65° di Maranello ha una cilindrata di 6.496 centimetri cubi in grado di farci volare con il vento in faccia oltre i trecento all’ora.

Ferrari Monza SP2
Ferrari Monza SP2

Prezzo e consumi

Il costo di Ferrari Monza SP1 e SP2, da capogiro, pare essere di un milione e seicentomila euro. Una cifra a dir poco considerevole ma che rende fede al nome scelto per questa nuova linea: Icona. Di sicuro i 499 fortunati a cui è stato proposto l’acquisto, già proprietari e fruitori Ferrari, sanno riconoscere l’eccellenza di questo gioiello tutto italiano, a uno o a due posti.

Non si conoscono ancora invece i dati relativi a emissioni e consumi.

Interni della SP2
Interni della SP2

Ferrari Monza SP1 SP2: scheda Tecnica

Lunghezza: 4,657 metri
Larghezza: 1,996 metri
Altezza: 1,155 metri
Peso: 1.500 kg (SP1) e 1.520 kg (SP2)

Motore: V12 – 65° aspirato
Cilindrata: 6.496cm3
Potenza massima: 603 kW (810 cv) a 8.500 giri al minuto
Regime massimo: 8.500 giri / min

Accelerazione 0-100 km/h: 2,9 secondi
Accelerazione 0-200 km/h: 7,9 secondi
Decelerazione 100-0 km/h: 32 metri
Velocità massima: 300 chilometri orari

Consumi urbani dichiarati: non disponibili
Consumi extraurbani dichiarati: non disponibili
Consumi medi dichiarati: non disponibili

Emissioni urbane dichiarate: non disponibili
Emissioni extraurbane dichiarate: non disponibili
Emissioni media dichiarate: non disponibili

Video interessanti

  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili