Ferrari 488 Spider, libera di essere bella

Ferrari 488 Spider

Yin e Yan, decapottabile e coupé. La Ferrari 488 Spider è la sintesi perfetta di due anime. Da una parte quella libera, che abbassa la capote per lasciarsi andare al vento. Dall’altra quella più sportiva e feroce, che rinuncia al cielo ma non risparmia l’asfalto. Ma la spider del Cavallino è innanzitutto bella, non a caso premiata dai tedeschi di Auto Motor und Sport nella categoria Most Beautiful Cars 2016.

Presentata a Francoforte nel 2015, la Ferrari 488 Spider è la versione decapottabile della 488 GTB, fresca di pensionamento a vantaggio di quel gioiello che è la nuovissima F8 Tributo. Rispetto alla GTB, la versione Spider si accolla cinquanta chilogrammi in più, che sarebbero diventati settantacinque se gli ingegneri del Cavallino non avessero rinunciato al tradizionale tettuccio in tela per una più avveniristica capote rigida.

Si tratta di un gioiello tecnico  che può essere alzato anche in movimento, fino a quarantacinque chilometri orari. Uno straordinario prodotto ingegneristico, specie se si considerano gli impicci dovuti al motore posto in posizione centrale-posteriore. Un unicum reso possibile grazie alla soluzione RHT (Retractable Hard Top).

Interni della Ferrari 488 Spider
Interni della Ferrari 488 Spider

Il propulsore della Ferrari 488 Spider, è lo stesso montato dai tecnici di Maranello sulla versione GTB. Si tratta del V8 – 90° biturbo che tante soddisfazioni ha portato alla casa del cavallino rampante e dal 2016 è premiato come Best Engiene of the Year.

Ferrari 488 Spider: design e interni

Figlia delle matite del Centro Stile Ferrari, la Ferrari 488 Spider ricalca esternamente le linee della GTB, ma non potrebbe essere altrimenti. Le linee sinuose sono funzionali all’aerodinamica. A colpire sono da una parte il muso, che si abbassa prepotentemente sul muscoloso parafango anteriore, lasciandoci ipnotizzare dai grandi fari nella consueta forma a L. Dall’altra le fiancate, grazie alle imponenti prese d’aria laterali che si formano a partire dalla porta. È il richiamo alle forme di un altro gioiello di Maranello, la 308 GTB, prodotta per una decade a partire dal 1975.

Internamente, la Ferrari 488 Spider cerca di trascinare chi guida nella dimensione di un abitacolo che sempre più ammicca alla Formula 1. Non a caso, i comandi sono posizionati interamente sul volante e sui satelliti orientati verso il guidatore. Ad accentuarne la sportività, le bocchette di aerazione dalla linea aggressiva e la plancia di dimensioni ridotte.

Vista laterale
Vista laterale

Prestazioni

Come detto, dentro la Ferrari 488 Spider ruggisce lo splendido V8 – 90° biturbo, un mostro da 3.902 centimetri cubi di cilindrata capace di erogare 670 cavalli a 8.000 giri al minuto. Un’eccellenza motoristica che consente alla decapottabile del Cavallino una capacità di  accelerazione considerevole. La Ferrari 488 Spider è in grado di passare da 0 a 100 chilometri orari in 3 secondi netti, e di raddoppiare la velocità in meno di 9 secondi (8,7).

Di eccellente caratura anche i freni termoceramici e il Cambio F1 Doppia Frizione a 7 marce. Si tratta di una miglioria considerevole rispetto alla precedente Ferrari 458, in grado di garantire una maggiore velocità e precisione del cambio soprattutto in scalata. La Ferrari 488 Spider può inoltre contare sul differenziale elettronico E-diff 3 e il controllo di trazione F1-Trac. Non solo, grazie anche al Side Slip Control la guidabilità della decapottabile di Maranello è ottima anche al limite.

Prezzo e consumi

Il prezzo di partenza della Ferrari 488 Spider è 254.682 euro, suscettibile di incremento a seconda delle configurazioni scelte. Oltre 25.000 euro in più rispetto alla versione GTB (229.235 euro) e poco meno di 15.000 rispetto alla Ferrari 458 Spider di cui ha raccolto l’eredità (239.967 euro).

Consumi (12,9 litri ogni 100 chilometri) ed emissioni (294 grammi per chilometro) sono in linea con quelli delle altre supercar Ferrari.

Vista posteriore
Vista posteriore

Scheda tecnica della Ferrari 488 Spider

Lunghezza: 4,668 metri
Larghezza: 1,952 metri
Altezza: 1,211 metri
Peso: 1.420 kg
Passo: 2,650 metri
Carreggiata anteriore: 1,679 metri
Carreggiata posteriore: 1,647 metri

Motore: V8 – 90°
Cilindrata: 3902cm3
Potenza massima: 690 CV a 8000 giri al minuto
Regime massimo: 8.000 giri / minuto
Cambio: Cambio F1 Doppia Frizione a 7 marce

Accelerazione 0-100 km/h: 3,0 secondi
Accelerazione 0-200 km/h: 8,7secondi
Velocità massima: 325 chilometri orari

Consumi urbani dichiarati: 21 litri / 100 km
Consumi extraurbani dichiarati: 10,9 litri / 100 km
Consumi medi dichiarati: 12,9 litri / 100 km

Emissioni urbane dichiarate: 478 grammi di CO2 / km
Emissioni extraurbane dichiarate: 247grammi di CO2 / km
Emissioni media dichiarate: 294 grammi di CO2 / km

Video interessanti

  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili