BMW M2 Competition, tutta un’altra grinta

BMW M2 Competition
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
 

Al meglio, per fortuna, non c’è mai fine. Lo pensano e lo dimostrano anche alla casa dell’elica che pensiona di fatto la vecchia M2 per lasciare spazio alla nuova BMW M2 Competition. In Baviera, sanno di aver messo a punto un gioiellino niente male, impreziosito – rispetto alla versione precedente – di quaranta cavalli e tanto divertimento in più alla guida.

Niente di trascendentale, almeno all’apparenza, ma una volta messi al volante si percepisce subito il deciso passo in avanti. La nuova M2 in versione Competition è una sportiva di razza dallo straordinario bilanciamento. Una qualità che si apprezza soprattutto in curva, grazie anche all’ottimo lavoro dello sterzo, preciso e diretto come da tradizione delle migliori tedesche.

BMW M2 Competition: design e interni

Esternamente, non sono tante le differenze tra la nuova BMW M2 Competition e chi l’ha preceduta. Spicca soprattutto la nuova maschera a doppio rene, nera e rivista nelle dimensioni (più grandi). Più ampie anche le prese d’aria che si affacciano sulla grembialatura anteriore.  Appena sopra, le luci dei fari sono al LED, mentre sul posteriore spicca il grande estrattore che abbraccia i quattro terminali di scarico. Gli specchiati retrovisori sembrano rifarsi a quelli della BMW M4, così come più in generale l’insieme delle soluzioni adottate per il raffreddamento.

vista anteriore
Vista anteriore

Gli interni della nuova BMW M2 Competition si distinguono per la disponibilità di nuovi sedili sportivi. Ulteriore aspetto nel quale l’ispirazione alla M4 appare piuttosto evidente. Numerose le finiture in fibra di carbonio, mentre il volante a tre razze è disegnato in tipico stile Msport. Nuovo anche il pulsante per l’accensione, di colore rosso, anche se il principale difetto pare essere la penuria di vani portaoggetti. Così come pure l’assenza di Android Auto.

Tra i pregi, invece, si distingue la comodità, grazie a una seduta con gambe adeguatamente distese a cui si affiancano lo sterzo sistemato in posizione verticale e i numerosi pulsanti disposti in maniera ottimale.

Prestazioni

La nuova BMW M2 Competition monta un motore a sei cilindri in linea biturbo da 3.0 litri. Si tratta di un propulsore in grado di sprigionare la potenza di 410 cavalli a 5.230 giri al minuto.  È grazie anche a questo gioiello da 2.979 centimetri cubi di cilindrata che la coupé bavarese è in grado di proiettarsi alla velocità massima autolimitata di 250 chilometri orari (che diventano 279 con l’opzionale M Driver’s Package).

Interni della BMW M2 Competition
Interni della BMW M2 Competition

Non solo, la quattro posti della casa dell’elica è in grado di accelerare da zero a 100 chilometri orari in 4,2 secondi con l’impostazione del cambio automatico doppia frizione a sette rapporti. Mentre con cambio manuale a sei marce il tempo impiegato a percorrere la medesima distanza è appena superiore (4,4 secondi). Un incremento prestazionale considerevole rispetto alla precedente M2, dovuto in prevalenza all’aumento del numero dei cavalli (prima erano 370) e della coppia massima, passata da 500 a 550 Newton metri.

Ma la nuova BMW M2 Competition presenta delle migliorie di grande interesse pure all’impianto frenante con l’introduzione del differenziale attivo M a controllo elettronico. Eccellente anche il già citato cambio robotizzato M DCT a doppia frizione e a 7 velocità al quale corrisponde un aumento delle prestazione con leggere impennata dei consumi e riduzione delle emissioni.

Prezzo e consumi

La cifra di partenza per l’acquisto della nuova BMW M2 Competition è 67.100 euro. Chi però volesse “liberare” la coupé bavarese dai limiti autoimposti, potrà acquistare il sistema M Driver’s Package al prezzo di 2.250 euro. Oltre a tante altre opzioni che per ragioni di spazio qui non elenchiamo.

I consumi si attestano intorno ai 10 litri ogni cento chilometri, che diventano nella guida urbana e 8 in quella extraurbana. Le emissioni, invece, si attestano intorno ai 227 grammi di anidride carbonica rilasciati ogni chilometro di strada percorso.

Vista posteriore
Vista Posteriore

Scheda tecnica della BMW M2 Competition

Lunghezza: 4,460 metri
Larghezza: 1,850 metri
Altezza: 1,410 metri
Peso: 1.625 kg
Passo: 2,690 metri

Motore: 6 cilindri in linea biturbo 3.0 litri
Cilindrata: 2.979 cm3
Potenza massima: 302 kW (411 cv) a 5.230 giri al minuto
Regime massimo: 5.230 giri / minuto
Coppia massima: 550 Nm
Cambio manuale: meccanico a sei rapporti
Cambio automatico: robotizzato M DCT a doppia frizione e a 7 velocità

Accelerazione 0-100 km/h cambio manuale: 4,4 secondi
Accelerazione 0-100 km/h cambio automatico: 4,2 secondi
Velocità massima con M Driver’s Package: 279 chilometri orari
Velocità massima: 250 chilometri orari (autolimitati)

Consumi medi dichiarati: 10 litri ogni 100 km (12,7 con guida urbana, 8 con guida extraurbana)

Emissioni media dichiarate: 227 grammi di CO2 / km con cambio manuale (210 con cambio automatico)

M2 Competition 3.0: a partire da € 67.100

Video interessanti

  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie