Aston Martin Valhalla: la supercar ibrida dal costo milionario

Aston Martin Valhalla

Prosegue senza sosta l’attività di riposizionamento di mercato di Aston Martin, una casa automobilistica che se possibile punta a consolidarsi ancora di più nel comparto dell’altissima gamma.

La Valhalla si inserisce all’interno di questo contesto, arricchendo il portafoglio delle proposte commerciali con una vettura ibrida dotata di una linea estremamente suggestiva e di un potente motore ibrido realizzato in collaborazione con il team di Formula 1 della Red Bull Racing.

Il risultato è una super hybrid car in grado di dare grandi soddisfazioni anche in pista, sebbene l’omologazione stradale ne consenta allo stesso tempo un utilizzo più ordinario.

Vediamo insieme tutti i dettagli sulla vettura a partire dalle dimensioni e dal design esterno.

Aston Martin Valhalla: dimensioni e design

Partiamo con il dire che la Valhalla non è ancora disponibile ufficialmente alla vendita, pertanto non esistono dimensioni ufficiali circa la lunghezza o la larghezza del corpo carrozzeria. Sono invece ben presenti le immagini del design, che richiamano il precedente progetto di prototipo della “Valkirye”.

Ovviamente rispetto a tale prototipo si nota con evidenza l’intento di rendere l’auto più matura per la prossima commercializzazione. Esternamente le forme sono sinuose, ma caratterizzate dalla grinta di una vera sportiva. Il motore centrale viene montato su un telaio costituito da tela di carbonio e pensato per ridurre al minimo il peso della vettura.

L’aerodinamica è poi dotata del sistema FlexFoil, che rende possibile la variazione della deportanza senza intervenire sulla posizione dei deflettori. Di particolare interesse è anche il meccanismo di apertura delle portiere, che prevede un accesso facilitato alla discesa in vettura grazie all’integrazione con il tetto.

Il motore disponibile

Per questa supercar Aston Martin ha pensato ad un motore V6 turbocompresso, che funzionerà in abbinamento con un motore elettrico. La combinazione porterà a realizzare una potenza totale di 1000 cavalli.

La trasmissione è di chiara ispirazione sportiva e si rifà alle corse di Formula 1, con cambio dotato di doppia frizione ad 8 marce. Anche le prestazioni sono da auto da corsa. Questo bolide è infatti in grado di raggiungere i 100 chilometri orari in appena 2,5 secondi (partendo da fermo), mentre la velocità massima raggiungibile supera i 350 Km orari.

È chiaro che con prestazioni simili la casa automobilistica punta a scontrarsi contro competitor che hanno fatto la storia delle corse e che ne rappresentano l’essenza, come Ferrari e McLaren.

Interni della Aston Martina Valhalla
Interni della Aston Martina Valhalla

Gli interni della vettura

Anche se al momento non è possibile conoscere tutti i dettagli riguardanti gli interni, è noto che l’impostazione risulta fortemente orientata alle auto da corsa. Per questo motivo l’abitacolo è stato progettato per essere lussuoso ed allo stesso tempo minimalista.

Il guidatore può però contare su un volante multifunzione in grado di ricordare in modo esteso l’esperienza della guida da Formula 1. Ad affiancare il cruscotto digitale c’è poi uno schermo touch posizionato centralmente, in grado di gestire il sistema di infotainment e di navigazione satellitare.

Tutti i pulsanti sono ridotti al minimo. I sedili sono sportivi e avvolgenti, mentre la seduta è bassa e ricorda quella di un’auto a corsa. Per il resto, ogni possibile fronzolo è stato eliminato in modo da favorire la massima concentrazione sulla guida e sulle sensazioni che l’auto è in grado di trasmettere dalla strada.

Vista posteriore
Vista posteriore

Considerazioni finali e prezzo della Valhalla

Siamo davanti ad un’auto da corsa pensata per poter competere su pista ai massimi livelli ed omologata anche alla percorrenza sulle strade ordinarie. Ovviamente il meglio della guida è sperimentabile in pista, ma ciò non toglie che poter guidare la Valhalla nella quotidianità rappresenta una vera e propria emozione.

Rispetto a tutto ciò, il prezzo è adeguato a quello che ci si può attendere da una supercar top di gamma. Per poter mettere questo gioiello dell’industria e dell’ingegneria automobilistica nel proprio box è infatti necessario sborsare almeno due milioni di euro.

Com’era immaginabile, non si tratta di un’auto per tutti nemmeno dal punto di vista del listino. E se ciò non bastasse, a dimostrare che si sta parlando di un oggetto del desiderio destinato ai collezionisti c’è la tiratura limitata.  Infatti, Saranno prodotte solo 500 Valhalla.

D’altra parte, non è un caso se l’auto è stata scelta per apparire in uno dei prossimi film di James Bond, entrando quindi nell’immaginario collettivo delle vetture da sogno ancora prima di essere arrivata alla commercializzazione vera e propria.

Video interessanti

  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno