Aston Martin One-77: una coupé in appena 77 esemplari

Aston Martin One-77: la coupé a due porte prodotta in appena 77 esemplari

La One-77 rappresenta una vera e propria auto da sogno per qualsiasi appassionato di auto sportive. A renderla così esclusiva non sono infatti solo le caratteristiche tecniche, ma anche la tiratura estremamente limitata.

Di questa auto ne esistono appena 77 esemplari, mentre il prezzo di listino fissato a circa un milione di euro si è più che triplicato nella rara occasione in cui un esemplare fu rimesso in vendita da un privato. Già queste considerazioni possono quindi aiutare a comprendere quale sia l’emozione nel vedere su strada una supercar di questo genere.

Vediamo insieme tutti i dettagli partendo dal design esterno e dalle dimensioni.

Vista posteriore

Aston Martin One-77: aspetto esteriore e stile degli esterni

Partiamo dalle dimensioni di questa vettura, che risulta lunga 4,6 metri e larga 2 metri, per un’altezza di 1,22 metri. Il passo è di 2,791 metri, mentre la massa a vuoto corrisponde a 1630 kg. Il design della vettura parte da una monoscocca in fibra di carbonio, mentre la carrozzeria è realizzata attraverso l’unione di differenti pannelli di alluminio.

Quest’ultimi risultano lavorati e montati artigianalmente. Frontalmente l’auto si caratterizza per le aggressive prese d’aria laterali e la griglia centrale, mentre il baule assume una forma felina grazie alle nervature centrali. I fari sono di tipo bixeno, con l’aggiunta di led. La forma a goccia risulta evidente nell’aspetto laterale.

Qui spiccano i grandi passaruote, in grado di ospitare una gommatura importante oltre a cerchi in lega sportivi. Quest’ultimi sono da 20 pollici e propongono un design speciale da 7 o 10 razze. I pneumatici scelti dalla casa sono i Pirelli P Zero. Subito dopo la ruota anteriore si palesa una doppia presa d’aria, che va a caratterizzare in senso sportivo la portiera. Posteriormente il baule vede integrarsi orizzontalmente i gruppi ottici led, terminando con uno spoiler che risulta estraibile.

Nel complesso la linea è da vera sportiva, ma allo stesso tempo di un’eleganza in grado superare la prova del tempo. Ne risulta un sottile mix di dinamismo, sportività e prestigio in grado di certificare l’estro dei designer e degli ingegneri di Aston Martin.

Vista laterale

Il Motore e la meccanica della One-77

Dal punto di vista del propulsore (disposto nella parte anteriore della One -77) siamo di fronte ad un V12 aspirato monoblocco, con la testata realizzata in lega di alluminio. Il potente motore è di ben 7312 centimetri cubi e risulta in grado di erogare fino a 750 cavalli di potenza.

Ne conseguono prestazioni da grido, con l’accelerazione da 0 a 100 che si realizza in appena 3,7 secondi, mentre la velocità massima è in grado di toccare i 354 chilometri orari. La scatola del cambio è disposta posteriormente e supporta un cambio sequenziale o automatico a sei marce. Ovviamente il consumo di carburante è coerente con il tipo di motorizzazione. L’auto impiega in media 16,4 litri ogni 100 chilometri; non è certo parca nei consumi, ma il problema non si pone per chi è riuscito a mettere uno di questi esemplari all’interno del proprio box di casa.

Aston Martin One – 77: il design degli interni

Per quanto concerne gli interni questa vettura porta al massimo livello il lusso e l’attenzione dello storico marchio automobilistico per i dettagli. Non a caso nel 2009 l’auto ha vinto il premio come concept design al concorso d’eleganza di Villa D’este (sulle rive del lago di Como). L’abitacolo è caratterizzato dall’impiego di materiali di massimo pregio e da un design a goccia che riprende la forma esterna della supercar.

La plancia centrale mette a portata di mano tutti i principali comandi di gestione della vettura, mentre la seduta è bassa e sportiva ma allo stesso tempo comoda grazie ai sedili avvolgenti. Dal punto di vista estetico l’alluminio si sposa con gli inserti in pelle, donando una sensazione di solidità ed allo stesso tempo di grande pregio.

Interni della Aston Martin One-77
Interni della Aston Martin One-77

Prezzo e considerazioni finali

Siamo giunti al termine della nostra recensione riguardante l’Aston Martin One-77 ed è arrivato quindi il momento di trarre le nostre conclusioni sulla vettura. Ovviamente si tratta di una supercar da sogno, non solo inavvicinabile per il prezzo ma anche molto rara da vedere in strada vista la tiratura limitata. Non stupisce quindi che questa sportiva di razza rientri tra le auto più costose al mondo.

Durante la sua commercializzazione il prezzo di listino superava ampiamente il milione di euro, ma nel caso piuttosto improbabile che uno dei collezionisti decidesse oggi di cedere il proprio gioiello, si parla di affrontare una spesa superiore ai 3 milioni di euro. Mentre visti i presupposti non ci sarà da stupirsi se nel futuro il prezzo di eventuali scambi lieviterà ulteriormente, andando ad infrangere i record di settore.

Resta il fatto che già solo poter ammirare una vettura di questo genere dal vivo rappresenta una vera e propria rarità. Questo fatto già da solo basta a comprendere che difficilmente i fortunati possessori vorranno mai separarsi dalla propria One-77, indipendente da quale prezzo sarà disposto a pagare un potenziale acquirente.

Video interessanti

  • Adria Karting Raceway: descrizione ed informazioni utili
  • Ferrari 458 Spider: un sogno a quattro ruote
  • Autodromo di Modena: descrizione del circuito e cosa fare
  • Lamborghini Huracán EVO, evoluzione della specie
  • WSK Euro Series: l'ultima tappa a Adria dal 26 al 29 giugno
  • Consigli utili per la guida in pista
  • Adria International Raceway: caratteristiche della pista, cosa vedere e cosa fare
  • BMW Serie 8 Coupé: la sportiva di lusso dell’Elica bavarese
  • Campionato Italiano Gran Turismo: tappa a Imola dal 21 al 23 giugno
  • Circuito Tazio Nuvolari: descrizione della pista e attività disponibili
  • Riccardo Agostini: biografia e prossimi eventi
  • Pista Azzurra di Jesolo: descrizione del kartodromo e informazioni utili
  • Pista GoKart di Migliaro: descrizione e informazioni utili
  • Mini Challenge 2019: Mugello, 4a tappa  (19 - 21 Luglio)
  • BMW M2 Competition, tutta un'altra grinta